home.jpg (2411 byte)
 
  titolino.jpg (9670 byte)ooo
 

Le Tre Venezie

altable.jpg (995 byte)

 

 
TREVEN1.jpg (59119 byte)

Terre, uomini e vecchie storie tra Meolo, Vallio e Musestre

In edicola nel nuovo numero de

"Le Tre venezie"

Presentazione a Roncade il 13 gennaio 2001, alle 17

presso il Ristorante "Galli"


 

Quanto ha influito la presenza dei piccoli corsi d’acqua nella storia e nello sviluppo dei paesi compresi nel triangolo Roncade-Monastier-Meolo?
E' una domanda che appare ad un primo impatto curiosa, essendo abituati, da veneti, a considerare come questione principe su questo tema lo straordinario rapporto tra Venezia ed il mare, sviscerato di continuo in migliaia di libri, convegni, opere d’arte e produzioni cinematografiche.

TREVEN3.jpg (40488 byte)

TREVEN4.jpg (44480 byte) Sorprenderà, invece, sfogliando il nuovo numero della rivista "Le Tre Venezie", interamente dedicato a questo territorio, scoprire come i tranquilli corsi d’acqua di risorgiva - che oggi quasi nemmeno vediamo, dal piano di campagna, nascosti come sono dagli argini o dalle coltivazioni – abbiano determinato nei secoli non solo il posizionamento dei borghi che hanno assunto il loro nome ma anche un complesso sistema economico connesso ad attività legate all’acqua.

 

La pubblicazione, che sarà presentata il 13 gennaio a Roncade, oltre a riprodurre con ottima qualità di stampa fotografie scattate da Fulvio Roiter, riporta una serie di interventi sulla storia, sulla morfologia, sulle peculiarità ambientali ed urbanistiche del territorio, nonché su chiese, monasteri, edifici come mulini, chiuse ed idrovore.

TREVEN2.jpg (24035 byte)

Tra questi anche un "pezzo" da non perdere, dal titolo "Presenvare Ca’ Tron", firmato da Andrea Zanzotto. Da sottolineare, infine, per chi non si sia mai posto il problema, una interessantissima sezione della rivista che illustra quasi tecnicamente come, nei secoli, si siano susseguiti gli sforzi per mettere a regime il corso dei fiumi e bonificare un’area in cui allagamenti ed epidemie di malaria rendevano difficile e precaria una vita interamente dipendente dalle risorse dei campi.

La rivista, edita da Tonino Bortoletto, tolta la pubblicità ha 84 pagine e costa 12 mila lire.