home.jpg (2411 byte)
 
  titolino.jpg (9670 byte)ooo
 

Le piscine comunali

altable.jpg (995 byte)
 

Impianto natatorio di Roncade

piscina1.jpg (38523 byte)

quasi ci siamo..... o forse no

La ditta appaltatrice ha lasciato il cantiere e l'Amministrazione Comunale ha deliberato l'esecuzione d'ufficio dei lavori non completati con 250 milioni di lire non ancora liquidati all'impresa inadempiente.

Sono gli ultimi passaggi del difficile iter per la realizzazione dell'impianto natatorio comunale di Roncade, alla cui ultimazione, secondo un recente sopralluogo, mancano numerosi piccoli interventi di modesta entitā economica. Uno scambio di corrispondenza tra il Comune e la ditta, la "De Micheli Orlando" di Anzio (Roma), con ingiunzioni e giustificazioni ritenute inconsistenti, ha di fatto prodotto il licenziamento dell'impresa e l'apertura di un contenzioso giudiziario in cui il Comune č assistito dallo legale trevigiano Luigi Ronfini.

piscina2.jpg (17825 byte) Nel frattempo, il Consiglio Comunale ha approvato il bando per l'assegnazione dei servizi di gestione dell'impianto, segnale che sottintende un certo ottimismo in relazione ai tempi di apertura della struttura.

Per altri dettagli clicca qui

pool5.jpg (41898 byte)

Particolare del primo cartello nel cantiere

POOL8.jpg (28633 byte)

Avanzamento dei lavori al 30 agosto 2000

 

pool7b.jpg (21924 byte)

Particolare del cartello "ritoccato"


 

Sintesi del progetto originario

Costa 3 miliardi e 200 milioni – compresi gli 81 milioni e mezzo necessari per l’acquisto dell’area - sarā pronto, salvo ulteriori rinvii, per la fine di luglio e potrā ospitare, nelle due vasche previste, fino a 236 persone alla volta. E’ il nuovo impianto natatorio di Roncade, in costruzione nella zona degli impianti sportivi, attorno al quale graviteranno gli abitanti dei comuni limitrofi sprovvisti di piscina, per un totale di 58 mila residenti.

 

PISCINA.jpg (86104 byte)

Simulazione grafica computerizzata

Il progetto prevede un impianto esteso su un unico piano ma suddiviso in tre zone
distinte:
zona uffici, spogliatoi e servizi
zona sala vasche ed atrio
zona per impianti tecnologici, centrale termica, locali filtri e magazzino

Per l’atrio č prevista una superficie di 143 mq; da questo locale si accede agli
uffici, ai servizi per il pubblico e per il personale, agli spogliatoi, al pronto
soccorso, alla tribunetta in sala vasche ed al bar.
Il gruppo spogliatoi č diviso nelle zone maschile e femminile, ciascuna delle quali
si estende su 210 mq. All’interno sono previsti una zona deposito scarpe, due
spogliatoi collettivi, sette cabine a rotazione di cui una per handicappati, uno
spogliatoio istruttori con servizi igienici, lavabo e due docce, servizi igienici con 9
docce, 4 wc, zona deposito indumenti in armadietti, accesso alla sala vasche
mediante passaggio obbligato con vaschetta lavapiedi e docce automatiche.
La sala vasche, di 1.045 mq, ospiterā

vasca nuotatori lunghezza m. 25, larghezza m. 16, profonditā da
m. 1,30 a m. 1,55
vaschetta per bambini lunghezza m. 12, larghezza m. 6, profonditā
cm. 70

oltre ad una zona preriscaldamento ed una tribunetta per il pubblico da 130 posti a
sedere. Lungo un lato del locale c’č una vetrata lunga 38 metri, completamente
apribile in estate.
Gli impianti di trattamento assicurano un ricircolo completo ogni 3,56 ore (0,84
ore per la vaschetta) ed il 10% dell’acqua verrā quotidianamente rinnovata.
La temperatura interna, garantita da impianti a gas, sarā di 26 gradi negli
spogliatoi, 28 nei servizi e nella sala vasche e 20 negli uffici.