Gusti classici, gourmet, snack gelato artigianali,
granite siciliane e molto altro
via Vivaldi, 14 - RONCADE

    
 
    

  
   
Se la casa da ridipingere è l'oratorio
   
   
I ragazzi cresimati diventano dipintori, un po' di lavoro a testa
e i muri tornano perfetti 

La proposta del parroco: disponibilità e senso di appartenenza ad un ambiente da condividere

 
20 agosto 2021

 
Insieme per un’opera tangibile e utile, da vivere.

Questo l’intento di don Roberto Trevisan, il parroco di Roncade, che ha invitato i cresimati 2021 al cammino di formazione di quest’anno.
 
Tra la sessantina di ragazzi di Roncade che hanno ricevuto la Cresima, circa la metà si è dimostrata interessata ad intraprendere il percorso che li porterà a divenire animatori o volontari della Caritas.
 
Certo, l’iter prevede incontri, impegno e anche un soggiorno in montagna nella seconda metà di agosto, ma don Roberto è sicuro ci voglia dell’altro.
“È necessario - spiega infatti il sacerdote - sviluppare nei giovani anche l’interesse al lavoro. È propedeutico al cammino. Così ho pensato che un modo efficace per far acquisire responsabilità ai ragazzi e introdurli alla disponibilità, dote fondamentale per fare del volontariato, fosse quello di rendersi utili con un piccolo contributo, personale e di gruppo. Se no ‘e resta tute ciacoe” aggiunge, sintetizzando.
 
L’intento può concretizzarsi anche con lo stimolo nel rendere più vivibile uno spazio comune, da sentire come ‘casa’. Così, da anni, il parroco cerca di impiegare i cresimati in lavoretti divertenti, sotto l’egida di adulti supervisori, a parte lo stop imposto dalla pandemia.
 
L’anno scorso un gruppo ha portato a temine la pittura nella hall dell’oratorio. Quest’anno si è passati alla sala bar, dove i giovani vanno a giocare nelle giornate uggiose o ad ascoltare musica guardando il maxischermo e dove i partecipanti al cammino 2021 potranno in futuro gestire il piccolo servizio di bevande e snack.
  
Due adulti a sorvegliare il lavoro, tra cui un ex dipintore a svelare i segreti del mestiere e il tempo trascorre in fretta, tra risate e impegno. La grande stanza comune diverrà bianca con allegre strisce colorate a personalizzarla.
“I ragazzi sono tanti e quindi qualcuno provvede alla spesa anche per gli altri, alcuni fanno da mangiare e altri pitturano le pareti. Una mezz’oretta di lavoro per ciascuno, ma l’importante è che si divertano, vogliano fare del bene e abbiano la sensazione di curare una cosa che appartiene anche a loro. Poi di sera, tutti a giocare.”
    
Aldina Vincenzi
   
Potete seguirci anche su Telegram, collegandovi al canale https://t.me/roncadeit