Salvalium
   
   
Lega: "Aldo Salvalaggio ha voluto solo assopire il confronto"
Nessuna abitudine a lavorare in squadra, da lui oggi parole che lasciano l'amaro in bocca

 
26 giugno 2019

 
Egregio direttore,

a distanza di qualche tempo dalle elezioni e dopo che altri hanno molto scritto e detto, è venuto senz’altro il momento anche per noi di dire la nostra, senza peraltro voler alimentare tanto inutili quanto perniciose polemiche.

Vogliamo, prima di tutto, rivolgere il nostro sincero ringraziamento ai numerosi elettori che, sostenendoci nel corso di tre mesi di campagna elettorale, hanno dato la loro fiducia alla nostra lista ed alle persone che la componevano. Il modo migliore di ricambiare quella fiducia sarà assicurare che questa volta, diversamente che nel passato, la maggioranza dovrà confrontarsi con un’opposizione costruttiva, che saprà valutarne l'azione, che sarà rigorosa nel controllo e puntuale nel ricordare tutte le numerosissime promesse che sono state fatte nel corso della campagna elettorale.

Il nostro pensiero va anche al Candidato Sindaco Aldo Salvalaggio, dal quale non ci si aspettava certamente una risposta così poco gentile ed elegante. Perdere fa male, ma non riconoscere quanto la squadra abbia investito sulla sua figura, lascia davvero l'amaro in bocca.
Pazienza, abbiamo capito che Aldo non è una “figura politica” e probabilmente non è abituato a lavorare in squadra. Si vince tutti, si perde tutti. Per non parlare dell’imposizione del suo nome come capogruppo di minoranza, in totale dissenso alle democratiche scelte del gruppo stesso, per poi dimettersi.
Alle scelte imposte ed alle sterili polemiche, sarebbe bastata un po' di umiltà, ma a quanto sembra, anche questa, è merce rara.
  
Una cosa è stata certamente rispettata: la linea soft da lui dettata. Nè scontri, nè confronti sui temi che da anni pervadono l'ormai stagnante Roncade. La stessa linea che ha voluto tenesse tutta la squadra durante la campagna elettorale.
Insomma, una protesta silente e senza contenuti di spicco da spiegare con convinzione ai cittadini. Una linea dettata per assopire, non per svegliare con entusiasmo e passione gli animi! Dietro le quinte, abbiamo fatto di tutto.
Di argomenti scottanti sul tavolo ne abbiamo messi molti, in tutte le chiavi possibili, spiegati e condivisi. Nulla. Profilo basso, nessun attacco, linea soft: "questa è la linea che pagherà!".
Insomma, direttore, come lei lucidamente cita, se non si è capito, siamo stati tutti vittima nel ricadere nella seconda ed unica categoria. Non era faticoso correre, era faticoso camminare in pantofole, perché "avevamo il freno a mano tirato" dalla nostra "guida". Di certo siamo riusciti in un intento: quello di non rovinare il clima della nostra ridente cittadina.
 
Come si conviene, è doveroso fare le nostre congratulazioni alla Lista che si è aggiudicata le elezioni ed ha conseguito il diritto e l’onere di amministrare per altri cinque anni il Comune di Roncade.
Al sindaco Zottarelli, alla sua giunta ed alla maggioranza, vanno i nostri auguri di buon lavoro.
  
A noi l’impegno di presiedere e vigilare dai banchi dell’opposizione sul lavoro svolto ed avanzare proposte seppur con i limitati strumenti a disposizione che ben conosciamo. Un lavoro che faremo in sinergia con il contributo di tutti i candidati consiglieri.
 
Cordialmente  
    
Gruppo Lista Civica Facciamo Strada – Lega Roncade