Cosa sappiamo dell'Armenia?
   
   
Due film e una tavola rotonda a Roncade
Il genocidio di cristiani di cui č ancora pericoloso parlare

 
7 febbraio 2018

 
I giorni 8 e 22 febbraio e 16 marzo saranno tre buone occasioni per affrontare, nella sala consiliare di Roncade, alle 20,30, un tema lasciato spesso ai margini della storia che si insegna a scuola e che viene genericamente definita la "Questione armena".
Una fase storica che ha come centro il "Genocidio armeno", processo fra i pių sanguinari che inizia il 24 aprile 1915 quando l'organizzazione nazionalista dei "Giovani turchi", con l'obiettivo di creare uno stato nazionale turco, avvia uno sterminio sistematico della popolazione armena.
  
Prima popolazione al mondo a dichiarare il cristianesimo religione ufficiale del proprio paese, fin dall'inizio del 4° secolo, gli armeni rappresentavano l'unico ostacolo alla realizzazione di un grande territorio di lingua turca che si estendesse dal Mediterraneo al Turkestan, in Asia centrale, dove, appunto, si parlava turco.
Le stime dei massacri sono abbastanza concordi nel quantificare il bilancio in 1,5 milioni di morti fra il 1915 ed il 1916.
 
Anche ora, tuttavia, la Turchia rigetta la definizione delle stragi perpetrate come genocidio cercando di includere gli eventi all'interno delle conseguenze della Prima guerra mondiale.
    
Roncade.it