TITY.jpg (7413 byte)
   

Le foto di

Alfonso

   
ALF.jpg (13991 byte)
         
Presentato sabato 4 dicembre il libro fotografico su Roncade di Alfonso Lorenzetto
  

 

7 dicembre 2004

Si è svolta sabato 4 dicembre alle 18, presso l'elegante sede di Villa Lettis, (ristorante "Galli"), a Roncade, la presentazione del nuovo libro fotografico di Alfonso Lorenzetto "Roncade", una vera e propria antologia del territorio comunale, curata attraverso l'accostamento di scorci roncadesi noti e meno noti, che ben presentano i contrasti paesaggistici esistenti.

Durante la serata, che ha visto un notevole afflusso di pubblico, ben oltre le aspettative, sono intervenuti, dopo una presentazione audiovisiva dell'opera, curata in regia da Enza Carbonere, il sindaco di Roncade, Simonetta Rubinato, il prof. Guido Cecere, docente di Fotografia presso L'Accademia di Belle Arti di Venezia, e lo stesso Lorenzetto.

ALF2.jpg (33511 byte) "Si tratta di un'opera che colma un vuoto di visione di Roncade, e che aumenterà il proprio valore col passare del tempo", ha dichiarato in apertura Rubinato, marcando l'importanza e la pregevolezza dell'opera, aggiungendo poi che "gli scatti presenti nel libro sono importanti per trasmettere una memoria della Roncade di oggi, e per capire la complessità delle trasformazioni territoriali che si susseguono nel tempo".
Da sinistra: Mary Brustolin, Alfonso Lorenzetto, Simonetta Rubinato, Alberto Moscatelli

"La fotografia insegna a rallentare e a gustare la vita", ha esordito invece Cecere, all'inizio di quella che è stata una piacevole lettura critica, in cui è stato messo in risalto il contenuto tecnico presente nel libro, che struttura un lavoro approfondito, durato oltre due anni, di ricerca di scorci e momenti significativi della vita locale. Il fotografo, come un viaggiatore, con uno spirito curioso e di scoperta, viene contrapposto alla cecità dell'individuo comune, troppo assorto nei suoi impegni per accorgersi della bellezza della quotidianità: "La bravura di Alfonso è stata la capacità di catturare la normalità, raccontandola attraverso il particolare senza però scadere nel bozzettismo; una fotografia moderna che pur non potendo evitare i 'pezzi da 90' (quali il Castello), va oltre la sgradevole sensazione da cartolina, sfiorando per certi tratti l'astrattismo".

"Nella maturità volevo uscire dallo status per lasciare una testimonianza concreta" sono state le prime parole dell'autore, indice della nota autobiografica che caratterizza il suo intervento. "Per me il fotografo è come un documentarista, che deve vedere i luoghi come misura alla quale rapportarsi".

Ecco allora emergere l'approccio del "bambino", che caratterizza e spiega l'opera, quelle prospettive dal basso verso l'alto che caratterizzano ogni scatto, che lo coinvolge emotivamente fino al punto di portarlo alla commozione, quando pensa alla sirena di Menon, che scandiva la vita paesana.

L'esplorazione dei luoghi sconosciuti, tipica del bambino che si avicina, al mondo ha caratterizzato il suo lavoro. Le menti ritornano allora all'infanzia e si comprendono lo spirito e la sensibilità dell'autore.

VALLIO.jpg (54231 byte)

Una sensibilità che prende forma concretamente, poiché parte del ricavato dei volumi venduti durante la serata, stampati col patrocinio di Comune e Provincia, è stata devoluta in beneficenza alla "Lega del Filo d' Oro" di Osimo, che si occupa di bambini con traumi psicofisici.
In conclusione l'autore non ha mancato di ringraziare coloro i quali hanno partecipato alla impaginazione grafica (Leonardo Bellio) e alle traduzioni in inglese della storia antica di Roncade e di alcune poesie (Elisa Busato), ed ha annunciato la creazione nelle scorse settimane di una fondazione onlus per la promozione della fotografia in Italia assieme ad altri 25 fotografi nazionali.

Davide Aprea