TITO2.jpg (4360 bytes)
   

Rubinato

di misura

   
ELEZ.jpg (10848 byte)
         
Il centrosx si aggiudica la guida del Comune con uno scarto di 19 voti.
Lo scrutinio ha tenuto tutti con il fiato sospeso fino all'ultimo.
  

 

14 giugno 2004

Un pugno di voti, uno scivolone fatto, secondo gli osservatori più tecnici, in via Pantiera. Diciannove schede ed il testa a testa, durato il tempo di una finale ai mondiali con i supplementari, si è risolto a favore di Simonetta Rubinato.

I voti sono giunti con il contagocce ma il divario ampio marcato a vantaggio di Rachello dallo spoglio delle schede dei seggi di Musestre, i primi ad essere scrutinati, si è andato assottigliandosi fino ad invertire la quota, questione di centesimi intorno al 50%, a tre seggi dalla fine.

In termini assoluti i consensi raccolti dal candidato ulivista sono stati 4.114, appena 19 in più rispetto all'avversario.

ELEZ2.jpg (35069 byte)

Un'analisi per sezioni dimostra infatti che i contendenti hanno "vinto" ciascuno sei seggi, con un'intera frazione, Musestre, espugnata da Rachello.

ELEZ1.jpg (34430 byte)

Ultimo giorno sulla sua poltrona per Ivano Sartor

Il risultato non sorprende la vincitrice. "Non ho mai dato nulla per scontato - ha detto Rubinato - anche perchè è stato un lavoro fatto con pochissimo tempo. Una campagna elettorale in cui non è stato lasciato niente di intentato e che ho potuto condurre come desideravo, cioè ragionando sui contenuti".

Il nuovo sindaco ha detto di aver incontrato sul territorio una scarsa conoscenza dei moltissimi impegni che l'amministrazione uscente, invece, aveva portato a termine e di aver percepito una grande attenzione da parte, soprattutto, delle fasce più giovani.

"Tutto sommato queste elezioni sono state una bella palestra di democrazia - ha anche aggiunto - con un maggiore interessamento della gente rispetto al passato.

ELEZ3.jpg (30186 byte) Gli avversari hanno utilizzato una strategia che mirava quasi esclusivamente al rinnovamento e credo che abbia pagato - conclude Rubinato - e questo sta ad indicare che esiste nella popolazione un forte desiderio di cambiamento".

ELEZ4.jpg (25571 byte)

Atteggiamento sportivo e in generale sereno da parte di Gianni Rachello e della sua squadra.

"Abbiamo dato il meglio di noi stessi, non c'è nulla di cui possiamo rimproverarci", ha detto il candidato leghista, aggiungendo che, come atto dovuto verso gli elettori, data l'esiguità dello scarto sarà proposto un ricorso per un controllo più attento delle schede. "Senza però alcuna polemica - ha aggiunto - perchè il voto è sovrano".
La speranza del centrodestra, ha aggiunto Rachello, è che Rubinato "mantenga l'impegno fatto in campagna elettorale e sia aperta a forme di collaborazione per il bene comune.

ELEZ5.jpg (27712 byte)

Gianni Rachello (a sinistra) e Boris Mascia

Su questo ho comunque dei dubbi - ha concluso - data la squadra di consiglieri eletti tra cui i nomi 'nuovi' sono appena quattro".