TITY.jpg (7413 byte)
   

Rachello

fuggiasco

   
COERENTI.jpg (13690 byte)
         
Il candidato sindaco scappa nelle nebbie del nulla senza spiegare nulla se non ai giornali.
Gli ex alleati si sentono offesi: scuse pretestuose per coprire intese separate assunte da tempo
  

 

15 ottobre 2004

COMUNICATO STAMPA
Gruppo di Opposizione: “Lista Civica Coerenti nel Cambiamento-- Polo per Roncade - Lega Nord Liga Veneta”

Apprendiamo dalla stampa della decisione del Segretario Comunale della Lega Nord-Liga Veneta di far seguito alla proposta dei propri Consiglieri Comunali (Gianni Rachello (candidato Sindaco per la nostra coalizione "Coerenti nel Cambiamento-Polo per Roncade-Lega Nord-Liga Veneta”) e Marco Lovisetto di costituire gruppo consiliare separato, autonomo ed indipendente.
Alla luce di questi fatti ci pare quindi necessario intervenire.

Questa gravissima decisione si basa su motivazioni del tutto ridicole, banali e quindi obbiettivamente pretestuose. La motivazione scritta è: “la Lega Nord si dissocia dall'attuale modo di far politica in Consiglio Comunale".
Cosa vuol dire questa frase?
Non sono piaciuti i picchi di scontro dell'ultima seduta? Non sono condivise le dichiarazioni espresse fino ad ora nelle sedute anche passate? Si dovevano forse affrontare argomenti diversi e quindi si è peccato in strategia? Avremmo dovuto accettare il voto di astensione che il capogruppo Rachello (il nostro candidato sindaco) ha espresso nei confronti del Bilancio presentato dalla Maggioranza e che per 2 ore i suoi ormai ex-colleghi di coalizione avevano criticato dimostrando con i fatti gli errori e giustificando così la necessità di esprimere il voto contrario ( non per idiota ed assurdo spirito di contraddizione ma per proteggere gli interessi dei Cittadini di Roncade)?
Cosa non va bene nell'attuale modo di far politica?
Che cos’ha espresso in questi quattro mesi di attività consiliare la Lega? Dove sono stati fin qui i rappresentanti leghisti?
Ma se è vero che ci sono tutte o parte di queste motivazioni ci viene da chiedere dov'era fino ad oggi il capogruppo (il nostro candidato sindaco)? Quali direttive ha proposto in 4 mesi di attività politica comunale? Che iniziative od obiettivi ha espresso ed individuato per creare una strategia in vista di un risultato?

Perché Rachello non ha sentito l’esigenza, dopo l’ultima burrascosa seduta di consiglio, di riunirci tutti (com’era suo dovere) e chiarire la situazione, proponendo soluzioni, risolvendo in prima persona le strumentalizzazioni fatte dalla Maggioranza, invece di sparire nel nulla (scelta assolutamente legittima ma altresì in contrasto con gli impegni, anche morali, che gli competevano!)

Venire a conoscenza di queste decisioni così importanti, dalla stampa è "offesa su offesa": perché dignità e rispetto imponevano che queste decisioni venissero espresse in via prioritaria agli altri componenti la coalizione. La stessa dignità e lo stesso rispetto che fu a suo tempo da noi dimostrato nel voler raggiungere un accordo per tentare di realizzare un sogno politico e dar voce alla volontà di chi voleva il cambiamento! Perché signor Rachello, questi consiglieri che lei oggi con irrispettosa superficialità butta via, le hanno permesso di competere per la carica di Sindaco, lavorando con responsabilità, senso critico, rispetto delle Istituzioni, consenso della gente di Roncade. Lo sconfitto è, fino a prova contraria, Lei! (e con Lei la Lega Nord-Liga Veneta per la seconda volta!)

Viene da pensare che tutto fosse previsto da tempo e comunque in altre stanze: le stanze in cui si sta discutendo come saranno le battaglie per le regionali del 2005. (Zaia candidato?) e quindi si sia atteso il primo pretesto. Purtroppo è stato scelto un pretesto proprio stupido perché solo i "santi" si possono veramente "scandalizzare" di fronte a ciò che è avvenuto in consiglio comunale fino prendere decisioni drastiche.

Tutto questo è avvenuto sotto la regia del capogruppo Rachello che è stato il candidato Sindaco della Nostra coalizione.

E' doloroso constatare che chi, anche grazie a sacrifici personali di altri è stato indicato quale futuro Primo Cittadino, abbia potuto affrontare così malamente un ruolo ben minore, rischiando di compromettere tutto quello che si era nel frattempo costruito, ma certamente gettando una luce diversa sulla fiducia concessa in precedenza.
Questi avrebbe dovuto essere il garante del buon governo ma certamente anche di correttezza, dignità, rispetto, obiettività, saggezza.

Onoreremo Noi l’impegno con i Cittadini con più forza ed attenzione di prima nella convinzione che si può fare sempre di più e sempre meglio ma anche nella certezza che abbiamo da sempre lavorato per il bene della Gente di Roncade nel rispetto della parola data e degli impegni presi, con capacità, dignità, ed onestà.


Roncade, 12.10.2004

Il Gruppo di Opposizione
“Lista Civica Coerenti nel Cambiamento-- Polo per Roncade - Lega Nord Liga Veneta”