TITO2.jpg (4360 bytes)
   

Scritte

sinistre

   
SOVEIM.jpg (13190 bytes)
         
"Mafiosi" ed "Usurai" sono le accuse di un'anonima mano contro la So.Ve.Im. Una storia da non prendere alla leggera
  

 

23 giugno 2003

Cinque volte "mafiosi" e tre volte "usurai".

Sono le scritte apparse in una delle ultime notti sulla recinzione della SocietÓ Veneta Immobiliare (So.Ve.Im) Srl, di Spresiano, nel centro di Roncade, attorno al cantiere nel quale si sta lavorando per la riqualificazione dell'area dell'ex consorzio agrario.

Otto scritte tracciate con vernice bianca apparentemente da un'unica mano in un arco di tempo che, facendo due conti, dovrebbe aggirarsi sui tre minuti.

Non sono scritte qualsiasi, sono ben diverse da espressioni come "Roma ladrona" o "No al passante, si al tunnel". Il loro significato Ŕ pi¨ preciso e circoscritto, non sono da sottovalutare.

SOVEIM2.jpg (60118 bytes)

Per il significato, anzitutto.

SOVEIM1.jpg (25348 bytes) "Mafioso" lo si dice di chi gode di canali speciali per ottenere profitti di solito illeciti grazie all'appoggio di poteri forti, non di rado pubblici, e facendo leva sulla possibilitÓ di intimidire gli avversari.

"Usuraio" Ŕ invece un termine che viene adoperato quando un soggetto, approfittando dello stato di necessitÓ di un secondo soggetto, mette quest'ultimo nelle condizioni di dovergli versare, in denaro o in altri beni, valori sproporzionati rispetto al servizio ricevuto.

Poi per la determinazione. Lo scrivente ha affrontato il rischio di essere visto e riconosciuto da automobilisti di passaggio per un periodo abbastanza lungo, e in tutto quel tempo, con cura, dentro gli spazi scuri, ha scritto solo "mafiosi" ed "usurai". Anche per questo quelle parole non possono essere casuali.

Probabilmente il conflitto va inquadrato in un ambito molto ristretto, di accordi non conclusi come qualcuno avrebbe voluto o magari ritenuti non rispettati. E' una questione locale, tra privati, e in giro c'Ŕ qualcuno di molto arrabbiato.

Il segnale Ŕ brutto, non dev'essere minimizzato. E' la prima volta che a Roncade si leggono cose simili e un lavoro di "intelligence" si impone.

Roncade.it