TITO2.jpg (4360 bytes)
   

Sindaco

capisci

   
SARTOR.jpg (11588 bytes)
         
"Ma lei le critiche le accetta?" Replica di un negoziante all'attacco del sindaco
  

 

10 febbraio 2003

I commercianti roncadesi la smettano di farsi la guerra, se devono criticare lo facciano in modo costruttivo e prima si informino, e se si costituiscono in Comitato vedano di non perseguire fini elettorali.

L'invito ai negozianti del centro a rimanere al loro posto - evitando di porre in cattiva luce attraverso la stampa l'operato dell'Amministrazione e cercando di non invadere gli spazi della politica - viene da un comunicato stampa firmato dal sindaco, Ivano Sartor, come risposta alle posizioni espresse da un esercente in un recente articolo pubblicato da "La Tribuna di Treviso".

Sartor pone l'accento sul "periodo di lotte interne" che hanno portato allo scioglimento dell' Associazione Commercianti ed Esercenti di Roncade (Acer) auspicando un "atteggiamento sereno" da parte del "Comitato per il Centro di Roncade" di prossima costituzione.

Tutt'altro che conciliante è però il giudizio del sindaco relativo alla preoccupazione espressa nello stesso articolo dal negoziante intervistato, Francesco Antonello, collegata al rischio di un passaggio in secondo piano delle emergenze del centro rispetto ai grandi progetti in atto a Ca' Tron. "Mi sembra assolutamente demenziale - scrive - porre in alternativa le esigenze legittime del centro storico di Roncade con quanto si sta facendo a Ca' Tron". Lo sviluppo turistico, agricolo e come polo universitario della frazione, infatti, secondo il primo cittadino non potrà che portare beneficio a tutti ed anche a quei commercianti "che sanno gestire con intelligenza e capacità la loro impresa".

Sartor elenca, infine, a riprova degli sforzi fatti dall'Amministrazione, una serie di interventi urbanistici, conclusi od in fase di avvio, che hanno toccato e che riguarderanno l'intero territorio comunale.

  

24 aprile 2003

Lettera aperta di un cittadino al signor Sindaco


Antonello Francesco
Via lettis 4/2
Roncade

Ill.mo Sig. Sindaco
Del Comune di Roncade (Tv)

Egregio Sig. Sindaco,
mi sento onorato della sua attenzione ma devo dirLe che Lei non ha ancora capito la mia modesta opinione.
Prima cosa fra tante, e mi meraviglia non se ne sia accorto, io non ho mai esteso l'operato al partito o alla politica, non mi preoccupo più di tanto su casi particolari di autorizzazioni concesse o negate, non mi interesso se non marginalmente di quello che è l'anticamera del Municipio, ma quando si parla di mettere a repentaglio la mia Roncade il sangue mi bolle.
Non si preoccupi delle incomprensioni fra commercianti ma di cercare di "Ascoltare" le loro opinioni sia pur esse di modesto contenuto. Lei dichiara demenziale il giudizio che ho dato, asserendo che il centro di Roncade in questo momento è passato in secondo piano tanto importante è ora il progetto relativo a Ca' Tron; La invito a fare una passeggiatina lungo i marciapiedi facendo attenzione a non inciampare nei cubi di porfido sollevati.
Era demenziale anche l'ipotesi del centro commerciale quando all'epoca Lei mi rispose "Non nascerà mai a Roncade!".
Non posso non dare atto a questa amministrazione di avere fatto molto e me ne congratulo, ci mancherebbe altro! Nuova caserma dei carabinieri, nuove Scuole Elementari, parco del Musestre e non ultime le piscine e poi le tante cose in cantiere compresa la casa di riposo; tutto favoloso, ma il tutto va anche conservato.
Ah! Dimenticavo: il "LIDL". Vorrei dimenticarlo tanto è fuori luogo.
Sto cercando di ricordare a quando risale l'ultimo intervento in centro storico ma, a parte la data esatta, dovrebbe essere stato quello relativo alla sostituzione dei vecchi impianti di illuminazione giudicati obsoleti, con l'oscuramento dato da quelli nuovi.
Sindaco Sartor, che cosa intende per una "critica costruttiva"?
Ma Lei le critiche le accetta?
E' girata voce nel consiglio comunale del 12/02/03 di una paventata ipotesi di pedonalizzare Piazza 1° Maggio, mi auguro siano dicerie, non mi sembra il sistema migliore per rivitalizzare il centro storico.
Tanto le dovevo e, in attesa di venire in possesso di nuove "critiche costruttive", di sentirLa se convocato o leggerLa, porgo i miei più sentiti saluti.


Francesco Antonello