TITO2.jpg (4360 byte)

    

Opere a Casale

  
SILEP.jpg (8184 byte)
         
Cento nuove derivazioni
   

 

9 ottobre 2002

COMUNICATO STAMPA

 

ACCORDO TRA COMUNE E SILE-PIAVE S.P.A. PER MIGLIORARE E POTENZIARE IL SISTEMA FOGNARIO DI CASALE SUL SILE

Saranno realizzate oltre cento nuove derivazioni dalla rete alle abitazioni

Parte a Casale sul Sile un articolato piano per dare un assetto definitivo al sistema fognario cittadino.

Una verifica porta a porta eseguita da Sile-Piave presso le abitazioni dei Comuni serviti ha rilevato che nel Comune di Casale sul Sile in molti casi mancavano le derivazioni dalla condotta principale e quindi era impossibile realizzare l'allacciamento.

È stato quindi avviato uno specifico progetto da 185mila euro, che vede il Comune unire le forze con Sile-Piave S.p.A..

L’intervento, previsto da tempo, ora si concretizza per l’impegno dell’Amministrazione guidata da Bruna Battaglion, che ha seguito personalmente l’iter per la definizione dell’accordo insieme al vicesindaco prof. Flavio Zanocco.

"La situazione della rete fognaria - spiega il Sindaco - è particolarmente ‘pesante’, soprattutto in alcune parti del territorio comunale di Casale e poteva creare problemi anche di carattere ambientale. Abbiamo perciò aderito subito alla proposta di Sile-Piave di attivare insieme un progetto integrato per risolvere la situazione".

A questo progetto il Comune di Casale sul Sile parteciperà con 52mila euro, mentre Sile-Piave sosterrà la spesa rimanente che interesserà anche abitazioni esistenti in altri Comuni del bacino.

Sono già in corso, invece, i lavori per un secondo progetto, finanziato dal Comune con il concorso di Sile-Piave (che partecipa con 250mila euro), per la realizzazione di una condotta da Casale verso il Comune di Quarto d’Altino che costituirà l’asse principale del sistema fognario del Comune.

Quest'ultima iniziativa si inserisce nel piano generale delle fognature dell'azienda Sile-Piave che prevede, tra l'altro, un ulteriore ampliamento della condotta stessa, anche grazie ad un finanziamento della Regione Veneto nella misura di 3,4 miliardi delle vecchie lire, per collegare il Comune di Casale sul Sile al depuratore di Quarto d'Altino.

Per questa fase è in corso la gara per l'assegnazione dei lavori il cui inizio è previsto per il mese di novembre.

 

Sile - Piave S.p.A.

 

16 luglio 2002

 

COMUNICATO STAMPA

  

SILE – PIAVE S.P.A. OTTIENE LA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ ISO 9001

Sile – Piave S.p.A. ha ottenuto recentemente la Certificazione di Qualità dei propri servizi secondo le norme internazionali UNI EN ISO 9001 dall’Istituto Cersa di Milano.

Si tratta di una delle prime Aziende venete ad operare nell’ambito dei servizi pubblici ad aver ottenuto tale Certificazione del proprio Sistema Qualità.

"Lo consideriamo un risultato importante – dichiara il Presidente di Sile-Piave Francesco Borga – per la nostra struttura, che vede riconosciuto il livello di efficienza ed efficacia con cui opera da tempo, ma soprattutto per gli utenti, che hanno una garanzia aggiuntiva, verificata da un Organismo indipendente, che la nostra società opera in regime di qualità certificata".

Sile- Piave S.p.A. è la società di servizi pubblici acquedottistici e di gestione delle acque reflue con sede a Roncade, che vede soci i Comuni di Casale sul Sile, Casier, Monastier di Treviso, Roncade, San Biagio di Callalta e Silea in provincia di Treviso, e di Marcon, Meolo e Quarto d’Altino in provincia di Venezia. Sile-Piave S.p.A. serve oltre 30mila utenti con i servizi di acquedotto, con circa 9milioni di metri cubi di acqua erogati, e più di 20mila con la fognatura.

Il bilancio 2001 si è chiuso con ricavi di 6,1 milioni di euro ed un utile di 213mila euro (+25% rispetto al 2000).

Tra le nuove iniziative, la società ha presentato un Piano generale delle fognature per integrare gli impianti e razionalizzare i servizi nei nove Comuni serviti.

Sile – Piave S.p.A.

 

28 giugno 2002
 

COMUNICATO STAMPA

 

UN GRANDE PIANO PER LE FOGNATURE PER I NOVE COMUNI SOCI DELL’AZIENDA DI SERVIZI PUBBLICI SILE-PIAVE S.P.A. CON INTERVENTI PER CIRCA 40 MILIONI DI EURO

Nove Comuni nelle province di Treviso e Venezia avranno presto un sistema integrato per il trattamento delle acque reflue in grado di garantire tanto un servizio efficiente per i cittadini, quanto una garanzia di rispetto ambientale in un’area delicata come il bacino scolante della laguna di Venezia.

È questo l’obiettivo del Piano generale per le fognature presentato nei giorni scorsi dalla Sile-Piave S.p.A,, la società di gestione di servizi pubblici di distribuzione di acqua potabile (fin dal 1965) e, appunto, di trattamento delle acque reflue (dal 1998) che vede soci i Comuni di Casale sul Sile, Casier, Monastier di Treviso, Roncade, San Biagio di Callalta, Silea e, in provincia di Venezia, Marcon, Meolo e Quarto d’Altino.

"Ognuno di questi Comuni – spiega il Presidente di Sile-Piave dott. Francesco Borga – ha realizzato in passato una propria rete fognaria, pensata ovviamente solo per il proprio territorio di riferimento, con inevitabili limitazioni dovute ai costi ed alla mancanza di economie di scala, oltre che alla difficoltà di adeguare la rete agli adempimenti ambientali in un’area interessata dalla Legge Speciale per Venezia. L’obiettivo del Piano generale di Sile–Piave S.p.A. è, appunto, quello di razionalizzare tali reti locali in un sistema fognario integrato. Questo consente di abbattere i costi a carico di ogni Comune e, quindi, per ogni utenza raggiunta. Al tempo stesso vengono reperite nuove risorse per creare nuovi allacciamenti e potenziare la rete con impianti di depurazione che offrano le massime garanzie dal punto di vista ambientale".

Nell’area interessata abitano circa 80mila persone; oltre 30mila le utenze per i servizi di acquedotto (850 km. di rete), mentre 20mila sono gli utenti della fognatura (200 km di rete).

Gli obiettivi generali del Piano prevedono l’ampliamento delle reti fognarie principali, in particolare nelle zone ad alta densità abitativa, la riduzione degli impianti di depurazione esistenti concentrandoli in 4-5 strutture rispetto ai 18 esistenti e potenziandoli anche con sistemi di telecontrollo. Gli interventi previsti dal Piano avranno un costo complessivo vicino ai 40milioni di euro.

Per favorire questa ed altre iniziative di intervento sulle reti, il Consiglio di Amministrazione di Sile–Piave ha inoltre approvato una convenzione condivisa dai Comuni soci che consente di snellire il procedimento autorizzatorio per l’esecuzioni dei lavori su strade o proprietà comunali. "Vuole essere uno strumento per semplificare tante inutili lungaggini burocratiche – spiega il Direttore – che vanno a scapito innanzitutto dei cittadini. Tempi più rapidi consentono anche di limitare al massimo il disagio prodotto dai lavori e un risparmio poi nel costo degli interventi a vantaggio della collettività".

Sile – Piave S.p.A.

 

6 giugno 2002

 

COMUNICATO STAMPA

 

CRESCE DEL 25% NEL 2001 L’UTILE DI ESERCIZIO DELLA SOCIETÀ DI SERVIZI PUBBLICI SILE-PIAVE S.P.A.: IL BILANCIO APPROVATO DALL’ASSEMBLEA DEI SOCI

Un incremento dell’utile del 25% in un anno, una crescita dei ricavi del 14% ed un incremento della propria rete di servizi. Questi i dati positivi del bilancio 2001 di Sile-Piave, la società di servizi pubblici acquedottistici e di gestione delle acque reflue che vede soci i Comuni di Casale sul Sile, Casier, Monastier di Treviso, Roncade, San Biagio di Callalta e Silea in provincia di Treviso, e di Marcon, Meolo e Quarto d’Altino in provincia di Venezia.

Il bilancio 2001, il primo esercizio in cui l’azienda ha operato come Società per Azioni (il cambio di forma societaria è avvenuto il 15 dicembre 2000), è stato presentato e approvato all’unanimità nel corso dell’Assemblea dei soci che si è tenuta a Roncade nei giorni scorsi.

Spicca, tra tutti i dati, il balzo dell’utile del 25%, arrivato a 231mila euro contro i 184mila euro dell’esercizio 2000, mentre i ricavi hanno superato i 6,1 milioni di euro contro i 5,3 milioni dell’anno precedente.

"È stato sicuramente un esercizio positivo – ha dichiarato il Presidente Francesco Borga nella sua relazione – sia sotto il profilo del risultato, ma anche e soprattutto sotto l’aspetto organizzativo e strategico grazie al contributo di esperienza e di motivazione del personale apportato dal nuovo Direttore. Riorganizzazione interna, miglioramento della qualità del servizio erogato con l’implementazione di un Sistema di Qualità ISO 9001 hanno costituito nel corso dell’anno un punto di partenza per l’Azienda che intende avere un valore non solo economico, ma anche di modernità e qualità".

Particolare attenzione nel corso dell’anno è stata dedicata al potenziamento della rete fognaria; in corso d’anno sono stati appaltati lavori di ampliamento fognatura, finanziati dalla Regione Veneto con la legge speciale sulla salvaguardia della Laguna di Venezia, nei Comuni di Quarto d’Altino (progetto 4 miliardi di Lire), Marcon (progetto 3 miliardi di Lire), Roncade e Meolo (progetto 3 miliardi di Lire). Va inoltre evidenziata l'acquisizione della gestione diretta delle reti e degli impianti da parte dell’Azienda e la predisposizione di un Piano generale delle fognature per integrare e razionalizzare i servizi nei nove Comuni serviti. In particolare, nel 2001 sono stati predisposti i progetti definitivi per l’estensione delle reti fognarie nei Comuni di Marcon, Monastier di Treviso, Quarto d’Altino e San Biagio di Callalta per complessivi 8,6 miliardi di Lire.

Sile-Piave S.p.A. serve oltre 30mila utenti con i servizi di acquedotto, con quasi 9milioni di metri cubi di acqua erogati, e 20mila utenti con il servizio fognatura e depurazione.

Oltre che dedicata all’approvazione del bilancio ed agli altri adempimenti societari, l’Assemblea dei soci di Sile-Piave è stata anche l’occasione per definire alcune linee di intervento strategico dell’Azienda.

"Il 2001 – spiega il Presidente – è stato anche l’anno che ci ha visti impegnati nella ricerca di partners interessati allo sviluppo ed all’ampliamento del bacino di utenza servito, ovvero all’integrazione dei servizi erogati con quello del servizio idrico integrato nel quale Sile-Piave ha una riconosciuta competenza e professionalità. Contatti che proseguiranno anche nel corso del 2002".

Sile – Piave S.p.A.

 

24 aprile 2002

 

COMUNICATO STAMPA

 

OLTRE 650MILA EURO DI RISPARMIO DAGLI APPALTI PER SILE-PIAVE S.P.A. DAI LAVORI NEI COMUNI DI QUARTO D’ALTINO, RONCADE, MEOLO E MARCON: RISORSE CHE SONO STATE IMMEDIATAMENTE REINVESTITE NEL POTENZIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA

In genere negli appalti pubblici i costi, in corso d’opera, tendono a lievitare. Ma succede per fortuna anche il contrario. Un esempio arriva dall’esecuzione dei progetti per il potenziamento delle reti fognarie nei Comuni di Quarto d’Altino, Meolo, Roncade e Marcon che l’Azienda di servizi pubblici Sile-Piave S.p.A. sta sviluppando in questi giorni.

"Grazie ad opportune economie di scala siamo riusciti a realizzare i lavori previsti – dichiara il Direttore dell’Azienda, Gino Cappellazzo – con un risparmio che complessivamente supererà i 650mila euro a consuntivo, oltre 1 miliardo e 250 milioni delle vecchie lire".

In particolare dal progetto in corso a Quarto d’Altino, il cui importo era di 2,1milioni di euro, sono stati risparmiati 250mila euro.

A Meolo e Roncade, 1,6milioni di euro di costo del progetto, il risparmio è stato di 200mila euro.

A Marcon, 1,6milioni per il progetto, il risparmio è stato anche qui di 200mila euro.

Sile-Piave S.p.A. ha deciso di reinvestire immediatamente queste nuove risorse proprio nei progetti in corso, al fine di potenziare la portata dell’intervento.

"A Quarto d’Altino – spiega Cappellazzo – sarà ulteriormente ampliato il collegamento alla rete fognaria a 200 nuove utenze attualmente prive di allaccio. A Meolo realizzeremo degli interventi strutturali per garantire il buon funzionamento della rete, mentre a Roncade ci sarà l’estensione della rete a cento nuove utenze con la realizzazione di un nuovo collettore fognario".

Sile – Piave S.p.A.

26 marzo 2002
 

COMUNICATO STAMPA

 

AL VIA TRE NUOVI INTERVENTI PER GLI UTENTI DI SILE-PIAVE DELIBERATI NELL’ULTIMO CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Oltre un milione di euro stanziato per i progetti

 

Si potenzia l’offerta di servizi per gli oltre 30mila utenti di Sile-Piave S.p.A., la società di gestione servizi pubblici attiva nei Comuni di Casale sul Sile, Casier, Marcon, Meolo, Monastier di Treviso, Quarto d’Altino, Roncade, San Biagio di Callalta e Silea.

L’ultimo consiglio di amministrazione della società presieduta da Francesco Borga, tenutosi nei giorni scorsi, ha deliberato infatti l’avvio di tre importanti progetti che toccano direttamente le famiglie che ricevono da Sile-Piave i servizi di fornitura idrica e di trattamento delle acque reflue.

"Abbiamo attivato – spiega il direttore Gino Cappellazzo – una serie di interventi che andranno ad ampliare il servizio all’utenza ed a migliorarne la qualità rendendo gli impianti e le reti maggiormente affidabili.

Il primo progetto riguarda la manutenzione straordinaria delle reti acquedottistiche con il rifacimento di circa 500 allacciamenti e la ricostruzione di condotte obsolete; il secondo la costruzione di nuovi allacciamenti alla rete acquedottistica per circa 1200 utenti ed il terzo la manutenzione straordinaria e la ricostruzione di tratti della rete fognaria consortile con la costruzione di nuovi allacciamenti".

La redazione dei tre progetti è stata curata dall’ing. Roberto Celegato, responsabile tecnico di Sile-Piave S.p.A.

L’importo complessivo supera il milione e 250mila euro; in particolare, per il primo intervento la spesa prevista è di circa 490mila euro, per il progetto di costruzione di allacciamenti idrici e bocche antincendio di 492mila euro, mentre il piano di manutenzione straordinaria della rete fognaria e di costruzione degli allacciamenti sarà di circa 270mila euro.

Sile – Piave S.p.A.

 

31 gennaio 2002
 

COMUNICATO STAMPA

 

"L’ACQUA: BENE PREZIOSO ESAURIBILE". AL VIA UN PERCORSO EDUCATIVO PROMOSSO DA SILE-PIAVE S.P.A. CHE COINVOLGERÀ OLTRE CINQUECENTO ALUNNI DELLE SCUOLE DELL’OBBLIGO

 

Conoscere il ciclo dell’acqua per imparare ad usarla meglio ed evitare gli sprechi. È il progetto di educazione ambientale, denominato "L’acqua: bene prezioso esauribile", che anche quest’anno Sile-Piave S.p.A., società di servizi idrici integrati attiva nei Comuni a sud di Treviso, propone agli alunni delle scuole dell’obbligo.

Più di cinquecento gli studenti coinvolti nelle scuole elementari e medie di Carbonera, Roncade, Silea, San Biagio di Callalta e nei Comuni veneziani di Meolo e Quarto d’Altino.

Un itinerario educativo, che partirà in questi giorni, e che vedrà al centro dell’attenzione le conoscenze, lo studio e l’approfondimento delle principali questioni legate alla ‘risorsa acqua’ in un linguaggio, ovviamente, accessibile ai ragazzi delle scuole.

"L’attuale periodo di siccità ce lo ha ricordato: - afferma il direttore di Sile-Piave S.p.A. Gino Cappellazzo - l’acqua è una risorsa importante anche in un territorio molto ricco di risorse idriche come quello veneto. Un bene da conoscere e rispettare. Dopo la positiva esperienza dello scorso anno scolastico, il consiglio di amministrazione di Sile-Piave, dopo un incontro apposito con i dirigenti scolastici, ha deliberato di rinnovare l’iniziativa anche per l’anno scolastico in corso, con un contributo per ogni classe partecipante, ampliandone i contenuti anche alla fase di depurazione delle acque reflue".

Le classi coinvolte saranno complessivamente 27 e saranno impegnate in un programma educativo che prevede visite alla nuova centrale di produzione acqua di Lanzago, totalmente automatizzata, o al depuratore di Quarto d’Altino, e l’approfondimento attraverso studi, ricerche e sperimentazioni che saranno poi raccolte e presentate pubblicamente da parte di Sile-Piave alla fine dell’anno scolastico. In previsione anche una pubblicazione con gli elaborati più stimolanti.

 

Sile-Piave S.p.A.

 

Azienda Servizi Pubblici Sile-Piave S.p.a.
Via Tiziano Vecellio 8 - 31056 Roncade (TV)
Tel. 0422 7097
Fax 0422 840756
azienda@sile-piave.it
www.sile-piave.it