TITO2.jpg (4360 byte)
   

Ogm, ora

spiegate

   
OGM.jpg (12465 byte)
         
Servono chiarimenti urgenti sugli esperimenti in programma a Ca' Tron
  

 

24 ottobre 2002

Adesso è l'ora di spiegare chiaramente cosa vuol dire.

Più di un anno fa avevamo parlato del progetto che Fondazione Cassamarca Spa aveva su Ca' Tron riguardante gli studi sulle biotecnologie, il Sole 24 Ore - Nordest aveva anche riportato un ampio servizio sull'argomento ed il responsabile del laboratorio, Decio Ripandelli, aveva auspicato l'avvio, al momento giusto, di una "campagna informativa a livello locale" (clicca qui).

Adesso quel momento è arrivato.

Bisogna che qualcuno spieghi ai roncadesi che cosa, esattamente, si farà nei capannoni di cristallo di Ca' Tron, su quali codici genetici sconosciuti ricercatori in tuta bianca andranno a mettere le mani, cosa potrebbe succedere se qualche spora taroccata dovesse malauguratamente uscire dai recinti sotto vuoto.

La stampa di oggi (Gazzettino di Treviso del 24 ottobre 2002) riferisce di alcune serie perplessità sollevate dai Verdi. Tardi, ma si sono svegliati anche loro.

Oggi, in materia di bioingegneria, non basta dire che - come i Master e il cantiere archeologico - siccome è di Dino De Poli quest'idea non può che essere ottima. Non basta neanche farsene una ragione a occhi chiusi pensando sempre che comunque la Fondazione, acquistando Ca' Tron, ci ha probabilmente salvati da progetti di escavazione dell'area.

Il presidente ha sempre ottime iniziative, va ripetendo che le idee mediocri è meglio non averle, ma l'infallibilità è un'altra cosa e un errore, anche minimo, in tema di Ogm potrebbe avere conseguenze che non conosciamo.

Magari nessuna, non è detto; ma dovremmo avere il diritto di esserne certi.

Dopo i lunghi mesi di dibattiti sull'inquinamento elettromagnetico, con soglie di microtesla che sfioravano, nelle scuole, valori ritenuti da alcuni inquietanti, a maggior ragione sugli esperimenti di Ca' Tron la popolazione merita chiarimenti.

L'Amministrazione comunale anticipi i tempi, promuova uno o più incontri pubblici, faccia intervenire L'Icgeb, studiosi di altri istituti e giornalisti.

Le minoranze svolgano il loro compito di controllo, c'è un ottimo motivo per presentare interrogazioni e per stimolare dibattiti in sedi istituzionali e non.

Da parte nostra - cioè la stampa che non si muove esclusivamente con le conferenze - sugli Ogm abbiamo le antenne accese da oltre un anno.

Adesso vi stiamo aspettando, tocca a voi.

Vedi anche: http://ogm.greenpeace.it/new/introduzionecontaminazione.php