TITO2.jpg (4360 byte)
   

Libro su

Ca' Tron

   
CATRON1.jpg (13090 byte)
         
Resoconto della campagna di scavi intorno alla via Annia
  

 

20 giugno 2002

Si chiama "La tenuta di Ca' Tron, ambiente e storia nella terra dei dogi" ed è un libro illustrato di quasi 250 pagine prodotto dalla Fondazione Cassamarca, in collaborazione con l'Università di Padova, che documenta la ricerca geomorfologica e archeologica integrata in atto sull'area da oltre un anno.

Il volume è stato presentato oggi alla presenza, tra gli altri, di Dino De Poli, presidente della Fondazione proprietaria della tenuta, dal direttore della Scuola Archeologica di Atene, Emanuele Greco, e dai ricercatori che hanno curato l'indagine, Francesca Ghedini, Aldino Bondesan e Maria Stella Busana, dell'universita' di Padova.

Nella pubblicazione sono esposte le modalità con cui è stata condotta, sino ad oggi, la campagna di scavi interamente finanziata dalla Fondazione ed i risultati finora emersi, in particolare per quanto concerne le testimonianze della

ANNIA1.jpg (53086 byte)

Foto aerea che evidenzia il tracciato della via Annia

romanizzazione della zona, vicina all'antica città di Altino, soprattutto con l'attraversamento con la strada consolare "Annia" che conduceva ad Aquileia.

ANNIA2.jpg (44331 byte)

Percorso della via Annia

Le numerose fotografie aeree e da satellite, corredate dalle successive elaborazioni digitali, e le ricostruzioni grafiche di antichi corsi d'acqua collegati al sistema idrografico del Piave e lagunare, consentono di comprendere con chiarezza l'evoluzione dell'area nei secoli e di porre in relazione i mutamenti geomorfologici con le circostanze storiche documentate.

Datazioni con la tecnica del Carbonio 14, osservazioni fotografiche all' infrarosso e carotaggi sul terreno, oltre alla recente scoperta di un ponte medioevale, avrebbero tra l'altro portato alla conclusione che la zona indagata, poco distante dalla laguna, contrariamente a quanto ipotizzato in precedenza, non sarebbe mai stata invasa dalle acque ma, anzi, come tante altre aree venete, avrebbe conosciuto la tipica ripartizione agraria romana.

Gli scavi a Ca' Tron, dopo la campagna della scorsa estate, sono ripresi in questi giorni e si inseriscono in un più ampio progetto di riqualificazione della zona, già parzialmente attuato dalla Fondazione, che prevede, tra l'altro, la creazione di un polo di ricerca sulle biotecnologie e di sedi universitarie di orientamento agrario.

A destra: vecchia chiesa di Ca' Tron negli anni '20 (il campanile non c'è più)

CATRON2.jpg (41776 byte)