home.jpg (2411 byte)
 
  titolino.jpg (9670 byte)ooo
 

Radicio Verdon

altable.jpg (995 byte)
Link utili:
La cicoria
detta anche
Radicchio

 

 

  CONGREGA.jpg (16397 byte)

Prima Mostra - Mercato

del

Radicio Verdon da Cortel


11 marzo 2001

Domenica 11 marzo, nel centro di Roncade, si è svolta la prima Mostra - Mercato del "Radicio verdon da cortel", su iniziativa della "Congrega del Tabaro" con il supporto dell'Amministrazione Comunale di Roncade e della Provincia di Treviso.
rad6.jpg (58086 byte)

Patron dell'iniziativa, il fondatore della Congrega, Tiziano Spigariol,

(a sinistra) validamente assistito dal colonnello Silvano Piazza (a destra)

rad5.jpg (49194 byte)

rad7.jpg (62144 byte)

Cugina senza titoli nobiliari del radicchio rosso di Treviso, la Cicoria a Grumolo Verde, più nota con il nome popolare "Radicio verdon da cortel" ha preso domenica 11 marzo la propria residenza ufficiale a Roncade, centro che, d’ora innanzi, ad ogni vigilia di primavera, le dedicherà una mostra per richiamare l’attenzione dei cultori dei sapori contadini ma anche di chi desidera fare la conoscenza gastronomica di una tra le coltivazioni più caratteristiche del trevigiano.

VERDON.jpg (52861 byte)

rad2.jpg (29426 byte)

rad3.jpg (29569 byte)

Assieme al mensile mercatino dell’artigianato e cose d’altri tempi, una ventina di produttori-espositori del "verdon" hanno proposto in Piazza Primo Maggio  i frutti del loro orto e, d’intesa con ristoratori, pizzaioli e panettieri, una serie di suggerimenti per adoperare al meglio, in cucina, questo tipo di cicoria. La "morte sua", sostengono gli ortodossi, è con i fagioli, ma non è affatto escluso che una "pizza al verdon", ad esempio, possa riservare una sorpresa da memorizzare.

Il radicio verdon, secondo la consolidata disciplina orticola, viene seminato lungo i vigneti, nelle parti arate od assieme all’erba medica tra fine luglio e settembre. Prima di dicembre le piantine arrivano ad un’altezza di una quindicina di centimetri ma le foglie esterne hanno la funzione, una volta che arrivano le gelate, di essiccarsi ripiegandosi sulla pianta stessa per proteggerla dalle temperature invernali. Verso febbraio la cicoria riprende a germogliare e per la metà di marzo può essere raccolta.

Almeno così dovrebbero andare le cose e così saranno codificate in un disciplinare che la Congrega del Tabaro provvederà presto a stilare. La scorciatoia è quella di costruire delle serre di nylon e di contrarre i tempi di produzione, procedura però non riconosciuta dagli "accademici" ufficiali del verdon.

rad1.jpg (94175 byte)

I produttori, comunque, non sono molti: questo radicchio richiede un tempo di impegno del terreno abbastanza lungo ed ha poco peso. Al consumatore può costare dalle 10 alle 15 mila lire al chilo, a seconda del momento